Trattamenti laser

DERMATOLOGIA LASER: la luce prodotta da sorgenti laser e policromatiche ad alta intensità ha rivoluzionato le strategia terapeutiche per affrontare alterazioni cutanee specifiche, ottenendo risultati spesso migliori o, in alcuni casi, insostituibili, rispetto a metodiche tradizionali. Qderm è una struttura sanitaria specificamente progettata ed autorizzata con i requisiti impiantistici, tecnologici, organizzativi e di sicurezza per concentrare tecnologie laser e sorgenti policromatiche, specificamente al servizio della pelle.

Trattamenti laserLa DERMATOLOGIA LASER si occupa specificamente della diagnosi e della selezione delle patologie cutanee e degli inestetismi della pelle selettivamente suscettibili di miglioramento utilizzando sorgenti laser e luci policromatiche ( IPL, altre sorgenti di luce continua) ad alta intensità, in modalità singola o combinata, talora in abbinamento con farmaci. Per il fatto stesso che la pelle e le mucose sono le superfici più facilmente raggiungibili e trattabili, le affezioni cutanee e mucose trattabili routinariamente con tecnologie laser presso questa struttura sanitaria sono molteplici: couperose, vasi sanguigni dilatati del viso e del corpo, venulectasie degli arti inferiori, malformazioni vascolari acquisite e congenita del viso e del corpo, macchie rosse e brune legate all’invecchiamento cutaneo, neoformazioni epidermiche e connettivali benigne (verruche, condilomi, polipi fibroepiteliali, cheratosi seborroiche, ed altre neoformazioni benigne).

La fotoepilazione laser (medicale, ad alta potenza) con laser medicali ad alta potenza permette la progressiva eliminazione dei peli superflui in ogni superficie corporea, tramite un processo di miniaturizzazione della crescita del pelo e di risolvere patologie come a pseudofollicolite degli arti, inguinogenitale e del volto (il cosiddetto incarnimento del pelo). E’ possibile inoltre agire con modalità non -ablative, ovvero senza un periodo postoperatorio significativo, sulle alterazioni del colore (discromie rosse e macchie brune) e della texture dovute all’invecchiamento cutaneo ambientale di viso, collo, decoltè, delle mani ed avambraccia (Fotoringiovanimento non ablativo), integrando le proprietà dei laser vascolari, dei laser pigmento specifici a pulsazione lunga e Q-switched, delle sorgenti di luce policromatica (IPL).

Il fotoringiovanimento ablativo (laser peeling), permette di intervenire con delicatezza ma con maggiore aggressività, con un periodo postoperatorio di 2-4 giorni (week-end laser resurfacing o artic peel). Recentemente è possibile intervenire con una maggiore profondità sia nella ablazione dei tessuti sia nella termostimolazione del connettivo, ma riducendo l’aggressività dei laser resurfacing tradizionali, con le tecnologlie cosiddette frazionali (laser frazionale ablativo e non-ablativo) e la possibilità di riprendere in breve tempo le proprie attività con un profondo rinnovamento dell’epidermide e del derma e di agire su solchi, lassità ctanea e certi tipi di cicatrici con un impegno postoperatorio minimale rispetto alle procedure più tradizionali ed aggressive quali i resurfacing laser, ladermoabrasione e i peeling chimici medi e profondi. I risultati, a fronte di un postoperatorio limitato, saranno anch’essi frazionali, ma perfezionabili con sedute aggiuntive.

Un livello più spinto di incisività è infatti costituito dal laser resurfacing con laser Er.YAG a pulsazione modulabile e con laser CO2., che permettono di produrre effetti radicali su rughe, difetti del tono, ed alcuni tipi di cicatrici. Il periodo postoperatorio è più prolungato, ma il maggiore sacrificio condiziona risultati significativi.

Il fotoringiovanimento non ablativo ed ablativo possono ottimizzare la distribuzione del colore rosso (rossore diffuso, capillari e venule dilatati) e bruno (irregolare distribuzione, macchie) della pelle, la texture, la rugosità fine, superficiale e media della pelle del viso, ma alcune procedure laser sono applicabili anche ad aree extrafacciali, come il collo, il decoltè, gli arti (laser hand rejuvenation), purchè vengano adottate le apposite tecnologie e tecniche operative, gli idonei sistemi di raffreddamento e le precauzioni del caso.

Con tecnologie particolari (laser Q-switched), è possibile rimuovere progressivamentetatuaggi, sia professionali sia artigianali o post-traumatici, agendo selettivamente sui pigmenti bersaglio: è richiesta in alcuni casi gradualità nell’ottenere il risultato finale ed alcuni pigmenti, come il bianco e il giallo, possono rispondere molto poco al trattamento, per cui i risultati possono risultare parziali.

E’ possibile inoltre agire con tecnologie laser su alcune cicatrici o anomalie della cicatrizzazione ( post-traumatiche, post-acneiche, ecc), integrando le tecnologie con le opportune terapie mediche, da effettuare in ambulatorio e a domicilio. Una considerazione doverosa va fatto sul significato delle tecnologie laser e delle luci pulsate, in costante ed incessante miglioramento tecnologico ed applicativo.

Le macchine non fanno miracoli, tanto meno automaticamente. Laser, luci policromatiche (IPL, LED, ecc) e sorgenti di radiofrequenze sono strumenti, con indicazioni e limiti precisi, in base ai principi della Medicina Basata sull’Evidenza (EBM), ovvero ai risultati e parametri degli studi accreditati: per quanto sofisticati essi siano vanno pertanto adattati ad ogni specifica problematica e, in alcuni casi addirittura può non esservi una indicazione per l’impiego di tecnologie laser. Si impone pertanto una diagnosi specialistica per ogni singolo difetto, ogni singolo dettaglio. Spesso inoltre è richiesto l’impiego di tecnologie e procedure differenziate per ottenere il risultato prefissato, senza mai violare le regole dei processi di guarigione, dettate dalla natura.

Vengono infatti sviluppate incessantemente tecnologie sempre più sofisticate e specialistiche, ma in medicina non esistono ne’ mode ne’miracoli istantanei ottenibili senza alcun sacrificio. In alcune situazioni occorre inoltre accettare i limiti dell’efficacia del trattamento laser, che può produrre risultati talori incompleti. Gli specialisti nell’impiego delle nuove tecnologie sono per questi motivi accreditati per offrire indicazioni precise, realistiche e personalizzate per affrontare consapevolmente, con appropriatezza, e senza sorprese, i propri problemi di pelle.

Condividi:

Altri articoli

dr. Francesco Santi, Medico Chirurgo Spec. in Dermatologia

Curriculum Vitae dott. Francesco Santi- Dermatologo

INFORMAZIONI PERSONALI Francesco Santi Via Belvedere 31 Trevignano (TV) +39 3402767915 santifrancesco90@gmail.com, pec: francesco.santi.tcqu@tv.omceo.it Data di nascita 12/06/1990| Nazionalità Italiana Medico Chirurgo specialista in Dermatologia